La prima volta che vidi il film Mary Poppins ero soltanto una bambina, avrò avuto
al massimo una decina d’anni, non ricordo con esattezza. Ricordo perfettamente, invece, il forte desiderio che mi pervase per tutta la durata della pellicola: volevo anche io una “tata speciale” che mi insegnasse a riordinare la cameretta con uno schiocco di dita.

Anche se adesso sono cresciuta, la visione di questo film, a distanza di anni, riesce ancora a suscitare in me le stesse emozioni positive. Ovviamente, non ho più bisogno di una baby sitter, ma la figura della tata “praticamente perfetta sotto ogni aspetto” mi affascina tuttora.


L’articolo completo puoi leggerlo all’interno del numero di Plaidy Magazine qui sotto.